venerdì 30 settembre 2011

Siate affamati… siate folli…


Questa settimana è stata eterna, è partita con una stanchezza atavica ed una [la mia prima] quasi colluttazione in palestra martedì sapendo che quel che brucia non sono le offese.

Mercoledì scazzi lavorativi e palestra, l'adrenalina era ancora con me e tutto fugge veloce, lo fa tutt'ora.

Ieri cominciano a succedere cose che avrebbero portato ad una mia intuizione stamattina ed ad una conferma poco dopo.

Non posso ancora parlarne, lo farò a tempo debito.

Se tutto succederà come ho combattuto e sperato sarà perché non mi sono fatti i cazzi miei, perché mi sono fatto avanti, perché mi sono proposto ed ho "osato" li dove altre persone erano quasi spaventato da ciò che stavo facendo, travalicando limiti autoimposti… sono stato affamato, sono stato folle [nel senso che non mi sono comportato in modo normale] e tutto si stà concretizzando.

Siate affamati… siate folli… soprattutto siate...

lunedì 26 settembre 2011

Ciao Sergio...

 
... probabilmente tutto sarà differente da oggi in poi, io posso limitarmi a salutarti... :(

Sottotitoli passati...


Avendo cambiato nuovamente il sottotitolo del blog vado ad elencare i passati:
  • ... non abbiamo paura di voi, non abbiate paura di noi...
  • ... ho dei gusti semplicissimi, mi accontento sempre del meglio...
  • ... voi mi avete frainteso...
  • ... ci coglio, perchè da piccolo ero un coglino e poi sono cresciuto...
Un bacio. :)

domenica 25 settembre 2011

[sometimes...] Mi sono arreso al mercato...


Era da tempo si era in trattativa, finalmente abbiamo concretizzato e siccome siamo in pre-produzione, anche se con una locandina ancora in bozza, posso pubblicare l'annuncio ufficiale.

Se tutto va bene uscirà nel tardo 2012 in Usa, in Italia, naturalmente, aspetteremo che la macchina della distibuzione faccia il suo corso.

Comunque sia... DAJE CAZZO!!! :D

mercoledì 21 settembre 2011

21.09.2011


"Il pomeriggio conosce cose che il mattino nemmeno sospettava".
Proverbio scandinavo.

Oggi sono a casa con i postumi della febbre di ieri…

… la testa un pallone…

… brutte notizie al telefono…

… un arrotino in strada…

… riflessioni sul perché si vive e sul cosa in effetti sia importante…

… nessuna risposta…

… ci conoscevamo poco, ma ti auguro buon viaggio Francesco...

[Habemus Papam] Habemus paraculum…


L'altro giorno, purtroppo, ho avuto la malaugurata idea di vedere questo film.

Dire che è brutto forse è tanto, perché un'opera del genere andrebbero meglio catalogate come paraculata.

Paraculata perché si è presa una storia non t'altro che originale che parla di disagio lavorativo e la si è andata ad collocare in un ambientazione di più forte richiamo, potendo così giustificare ogni azione nel protagonista e del suo entourage. Va però anche detto che con un ambientazione reale ed un nome tipo "Ecco il responsabile" non avrebbe attratto così tanto pubblico.

Paraculata perché in alcuni attimi riaffiora quel Moretti cattivo che ci piace tanto, anche se ormai ha perso buona parte della freschezza anche aveva ormai decenni or sono.

Paraculata perché così com'è stato pubblicizzato il pubblico a cui piace Moretti si è tuffato al cinema, ritrovandosi una specie di porno dove sarebbe stato bene mandare avanti le, molte e lunghe, parti in cui l'attore è assente.

Mesi or sono, parlando con un collega, avevo già solo vedendo la mancanza di coraggio della locandina, nella quale si poteva semplicemente porre la mano sinistra avanti e incrociare indice e medio, avevo recepito che qualcosa non andava, ma, come al solito, da masochista ho dovuto confermare il sentore.

Caro Nanni, facci un bel favore, basta con questi film col nome tuo sopra, o torni quello d'un tempo [quando in effetti dicevi qualcosa, di sinistra o meno, ma comunque qualcosa] o lascia cortesemente perdere, grazie.

lunedì 19 settembre 2011

… a sto punto continuo…


Oggi non sto propriamente bene, ho dormito molto male a causa del temporale ed un mal di testa insistente mi prelude ogni attività, puntando quasi ad un sopito stato febbrile.

Mi sono ritrovato così a uscire un attimo prima dal lavoro ed a rinunciare alla mia, ormai amata, palestra.

Quello che un attimo mi fa pensare è che anche in questo stato non riesco ad evitare di cazzeggiare, prima al super mercato, ora in chat con un amico… a questo punto devo dare per assodato che questa mia peculiarità sia insita nel background del mio sistema operativo ed è per questo che in una giacca ho sempre un naso rosso, ed una molletta, con me.

Sempre mejo questo che esse musone comunque… :D

domenica 18 settembre 2011

Oggi è ieri…


Venerdì sono andato a donare il sangue e, nella mia mente ormai traviata dal lavoro lunedì/venerdì, quel giorno non lavorativo mi è sembrato come un sabato.

Ieri l'ho passato stravaccato sul divano, tra un sonnecchio, una birretta e la visita inaspettata d'un amico.

Oggi è questo bellissimo giorno di riposo in più che mi sono guadagnato, ancora meglio di una domenica, perché è come una domenica dopo una domenica.

Che spettacolo… :D

REM - Everybody Hurts

sabato 17 settembre 2011

IT'S ALIVE!!!


Diorama improvvisato per il regalo che l'amico Alessio mi ha portato da quel di Lisbona. :)

Grazie ancora Ale.

martedì 13 settembre 2011

[Bondage] Vivi e lascia chiavare…


Da un paio di giorni mi vengono rivolte, in quanto io persona più giovane, domande sulle tecniche sessuali adottate da quella ragazza morta nello scorso fine settimana qui a Roma, causando il crollo verticale dei miei testicoli.

Quello che penso io è che nessuno dovrebbe giudicare pratiche così intime, ognuno scopa come vuole e come può, essendo più o meno interessato ad esperienze particolari.

Per quanto mi riguarda la cosa non mi interessa, ma comprendo quanto possa allettare altri, quello dello scorso weekend è stato un incidente come un altro, quello che riempie la bocca è che il tutto è avvenuto durante un momento di particolare intimità, ma può essere assimilato ad un qualsiasi incidente domestico.

Se tale ragazza fosse scivolata e si fosse infilzata il cuore con un coltello mentre cucinava se ne parlerebbe così tanto? No.

E allora non rompete tanto il cazzo, se siete dei bacchettoni limitati ad una missionaria io non ne entro in merito, se vi masturbate sui filmati gay neanche, il sesso è una cosa talmente strana e privata dove ognuno, rispettando gli altri, ha ragione.

Quindi basta per dio... quella ragazza è morta facendo ciò che aveva scelto liberamente e riposi in pace, fatevi i cazzi vostri, a meno che non sia proprio la morte ad eccitarvi… in quel caso cominciate a preoccuparvi davvero...

giovedì 8 settembre 2011

Vaffanculo Scamarcio, vaffanculo…


Mentre vedo i primi minuti di Manuale D'Amore 3 mi coglie quella fame mai assopita di questo periodo di regime alimentare controllato, vorrei poter disporre d'una pizzeria intera, mentre in casa, a ragion veduta, ho pochi, ed inutili, alimenti di base...

Spegnendo mi accingo al frigo, prendo una pesca e m'accontento non godendone… nel mentre penso vaffanculo Scamarcio, vaffanculo… è inutile, non serve, però vai a fare in culo Scamarcio, un pò come quella moglie picchiata al ritorno a casa in quanto lei ne conosce il motivo e tu no...

mercoledì 7 settembre 2011

Non vorrei altra vita che la mia…



Stamattina mi sono messo a risfogliare a ritroso le mail della mia casella yahoo.

Ho ritrovato assurde mail di tizie mai incontrate, appunti, disegni dei tempo andati, una bella foto che non ricordavo con la ragazza che frequentavo allora, amici, stronzate e tanti ricordi.

Sinceramente non riesco a capire che fine abbia fatto quel Silvano di qualche anno fa, ma, per il poco che possa sembrare, tutto ad oggi, nel bene o nel male, mi va bene e mi spinge ad andare avanti.

Un bacio gente.

martedì 6 settembre 2011

[20.09.2011] R U Ready?

C’era una volta uno sciopero…

Oggi sarebbe una giornata nella quale al posto di starsene a scaldare una sedia dovremmo stare tutti per strada.

Il problema è che non ci sono più i lavori di una volta, se una volta un metalmeccanico era quello che se scioperava castrava una catena di montaggio in maniera tangibile, oggi lo stesso metalmeccanico è uno che ha delle date di scadenza, i vecchi bulloni sono diventati file di codice e se uno è assente le consegne non vengono spostate.

In quest’ottica scioperare equivale a prenderlo due volte nel culo, la prima per la mancata giornata scalata dallo stipendio, la seconda per il giorno da recuperare per consegnare in tempo, senza contare il mancato danno verso il datore di lavoro che non perde nulla.

Io sono uno di quelli impiegati in questo modo e, pur avendo voglia di lottare, alla fine mi trovo qui anche quando non dovrei e ne bestemmio…

sabato 3 settembre 2011

Nessuno mi può giudicare, seconda visione.



Come da mia [purtroppo perduta] abitudine quando un film mi piace lo vedo più volte di seguito, citando una mia amica che rispondeva a qualcuno che si vantava che un film apprezzato lo avesse visto tre volte nella vita posso dire che un film che non mi piace lo vedo tre volte...

Durante questa seconda visione, continuando l'apprezzamento per il titolo, traspare, almeno nel mio caso l'importanza di avere qualcuno vicino, amico, estranei, insomma la necessità di una collettività con cui confrontarsi.

Per una persona che vive sola, sola in mezzo ai molti al lavoro e che ricava i pochi momenti con gli amici o familiari quando può questo è un messaggio importante.

Qualcuno dice che nasciamo e moriamo soli, beh, allora forse in questo troppo breve intervallo fra le due, cazzo, cerchiamo di non esserlo, no? :)

Nessuno mi può giudicare.



Ho appena finito di vedere questo film della scorsa stagione.

Come sapete ho sempre parecchie remore sui prodotti cinematografici italiani in genere, da questa volta devo cominciare ad imparare ad arrendermi al fatto che in questo panorama di commedie brutte, film sinistroidi finti impegnati e muccinate possono esserci episodi come questo.

Un film sincero, schietto, dal quale traspare il divertimento che le persone ci hanno messo a realizzarlo. Un film duro e crudelmente, vero nelle situazioni e nelle interazioni, con personaggi credibili e reali, divertente e commovente. Un esempio di ciò che siamo, nel senso di produzione italiana, in grado di offrire, soprattutto come esseri umani.

Naturalmente il merito va anche ad un cast azzeccato ed al bucio de culo dell'esordiente [e bravo] regista Massimiliano Bruno, che qui figura anche come sceneggiatore.

Insomma un vero film.

… magari comincio anche a pensare davvero che nessuno può permettersi di giudicare senza conoscere… magari... :)

David Bowie "Life On Mars?"



Quando la radio capisce cosa hai bisogno di sentire un sabato mattina. :)