sabato 28 agosto 2010

… la storia continua…


La chiamata dell'agenzia per la carta verde è arrivata poco fa.

Mi hanno chiesto se volevo pagare ed ho risposto che avevo cambiato idea, avrei dovuto riflettere sul trasferimento, avrei dovuto valutare e non volevo spendere quella cospicua cifra così.

Il tipo mi spiega che non ci sarebbe stato problema, che non dovevo trasferirmi, che la carta verde resterebbe mia comunque, ma io non mi convinco, continuando a farne una questione di soldi.

Allora mi mette in attesa per parlare con il suo manager, l'offerta che mi viene proposta vede lo stesso pacchetto, applicato per due anni a meno di un quarto del prezzo iniziale.

A quel punto accetto, è una cifra che mi posso permettere per una cosa del genere, ed in caso non portasse a nulla potrei fregarmene, se invece andasse bene sarebbe solo tutto di guadagnato.

Stay tuned… :)

[Il filmato non è inerente, era solo il punto di Fantozzi che stavo vedendo quando mi hanno chiamato.]

giovedì 26 agosto 2010

Americano per mezz'ora...


Oggi girovagavo su internet ed ho trovato un sito dove offrivano assistenza per la Visa Lottery, una lotteria annuale che mette in palio un tot di visti lavorativi negli Stati Uniti.

Ho compilato la prima form con i miei dati anagrafici, ma quando mi veniva richiesto di pagare, poco meno di 600 € per un'assistenza di quattro anni, ho chiuso la finestra del browser.

Passata una manciata di minuti mi squilla il telefono, un incaricato dell'azienda mi chiama dagli Usa e mi comincia a fare domande in lingua, rispondo a modo e mi comincia a spiegare come funzione, mi parla dell'assistenza, mi dice che in caso di mancata vincita parte della somma mi viene restituita e mi spiega come funziona in caso di sorteggio, con tanto di trasferimento praticamente immediato. Quando mi chiede i dati della carta di credito temporeggio e gli dico di richiamarmi in seguito, rimandandolo a questa sera alle 21.

Da allora ho pensato a questa cosa, al fatto del trasferimento immediato, al lavoro lì e a come mi prenderebbe. L'idea, seppur molto allettante, va sicuramente un attimo vagliata e soprattutto va compreso se il problema è il luogo dove sono o la situazione. La vera domanda è: se avessi una vita analoga a quella che ho qui negli Stati Uniti sarei felice? O è solo il senso d'un'eventuale avventura che mi stuzzica realmente?

Non sò rispondere a queste domande, al momento temporeggerò ancora, cercando di capire effettivamente cosa sia meglio.

See you soon... :)

domenica 22 agosto 2010

sabato 21 agosto 2010

… aspettando sulla riva del fiume…


Ho sempre considerato questo posto come un'associazione a delinquere più che un negozio, spacciava i "prezzi più bassi [addirittura] d'Italia" imponendo una scelta minima e solo ed esclusivamente per le quattro cose che riuscivano a procurarsi, fornendo praticamente zero garanzia e trattavano i clienti, nerdoni sempre troppo assetati di suppellettili inutili marcati microsoft, come merda inconsapevole o similare.

L'ultima telefonata che ho avuto col loro adorabile centro assistenza, nella quale mi veniva negata una garanzia ancora non scaduta, si è conclusa con un mio "… tanto prima o poi riuscirò a farvela pagare…"

... a quanto pare però il tempo ci ha pensato per me… :)

venerdì 20 agosto 2010

Queste ferie del 2010...


Il mio periodo di ferie scorre troppo veloce, ma non posso lamentarmi.

Ho passato un lungo weekend con cari amici ed ora mi ritrovo sdraiato sul divano a finire l'ennesimo gioco, cazzeggiare con l'ipad, domandarsi se farsi crescere la barba o meno, cercare di finire di vedere Life on Mars [naturalmente quello UK] e dormire.

Insomma nulla che non abbia voluto o cercato, semplicemente quello che al momento ritengo ciò di cui ho più bisogno.

Lunedì si torna a barattare tempo con denaro, la voglia è poca, ma al momento non riesco a trovare alternative valide, o non voglio...

V'abbacio. :)