martedì 28 luglio 2009

Ora capisco perchè...

... mi hanno sempre detto di non mettere mai i soldi in bocca, notanto la differenza che passa fra un centesimo dimenticato nel pantaloni al momento del lavaggio ed uno qualsiasi...

Tron Legacy

lunedì 27 luglio 2009

Guerre moderne…

Ieri ho passato il giorno giocando a Callo f Duty 4 Modern Warfare.

Il gioco è ben realizzato, realistico ed avvincente al punto giusto. Le missioni varie e ben organizzate, nonché non troppo stressanti, accompagnano lo svolgimento di una storia, anche se banale, fra le più coinvolgenti degli ultimi titoli da me giocati.

Il problema però qui è un altro. Un’esperienza del genere si basa fantasiosamente su fatti reali, su azioni di guerra dove però dall’altra parte non ci sono poligoni, ma persone, che è pur vero che possono essere ostili nei tuoi confronti, ma che intanto stanno a casa loro e che vengono spesso annientati in maniera vigliacca da postazioni dalle quali non possono difendersi.

Ad esempio nel gioco fra i primi che vengono uccisi ci sono due marinai che dormono ed una delle missioni viene svolta da un elicottero in volo contro un paese semideserto, ma inerme, dove però bisogna stare attenti a non colpire la chiesa. La crudezza si raggiunge forse quando ci si trascina fra le macerie di un’esplosione atomica con ancora il fungo in bella vista, anche se non avendolo finito potrei imbattermi in momenti più crudi.

Situazioni assurde, alle quali non riesco ad essere indifferente perché ci sono persone che ci si trovano e che, come me nel gioco, comunque annientano vite su vite in quella che pensano sia una missione per non si capisce quale bene globale, o interesse forse, questo non è dato a me dirlo.

Inoltre spero che come me chiunque si avvicini ad un titolo del genere lo faccia con il giusto distacco, capendolo ed interpretandolo più come una critica che come un elogio ad un certo tipo di vita e non fomentandosi per le situazioni proposte.

Spero…

venerdì 17 luglio 2009

La grande sfida...

Facciamo a chi riconosce più videogames nella meraviglia qui sopra? :)

mercoledì 15 luglio 2009

martedì 14 luglio 2009

domenica 12 luglio 2009

Grillo, vacce te...

Anni fa un comico ha cominciato letteralmente a rompere il cazzo al paese intero con idee provocatorie forte del popolino che gli andava appresso. Si spacciava, e si spaccia, come una voce attendibile proprio perché esterno alla politica.

Queste idee facilmente travisabili andavano completamente contro ciò che era il sistema, portando persone facilmente influenzabili, soprattutto giovani idolatranti, ad agire in modo sbagliato, agevolando quando questa quando quella parte politica.

Man mano ha cominciato a schierarsi ed a veicolare voti.

Oggi Beppe Grillo dice di volersi candidare ai vertici del PD, abbandonando a questo punto il suo ruolo di volgare supervisore.

Quando iniziò tutto mi sono trovato più volte a parlare con le persone che conosco di questa storia, sentivo loro che dicevano che era finalmente qualcuno che diceva ciò che si doveva dire, io rispondevo che non diceva nulla che non si sapesse già.

Oltretutto gli facevo osservare che era almeno un minimo comodo poter parlare a quel modo potendo contare sui milioni che si fatturano ogni anno, oltre 4 nel 2006, e mi chiedevo come mai così tanti...

Nel discorso io cercavo di farli in fine riflettere sul fatto che la cosa non poteva non avere una finalità e l'unica possibile era che oggi si è rivelata.

Spero che queste persone si ricordino ora che quando ne abbiamo parlato mi hanno detto che un eventuale ingresso in politica di Grillo li avrebbe portati a perdere completamente fiducia in lui, almeno questa cosa ce la scordiamo già prima di immaginarcela.

E poi perché bisogna venire a interferire con un qualcosa che pian piano prende forma e non provare a fare un discorso proprio se non per minarlo dall'interno?

sabato 11 luglio 2009

Memorie dal 16 gennaio 2004...

tre anni fa moriva mio padre...

c'é chi sa tutto e chi non sa nulla...
c'é chi è interessato e chi no...
c'é chi ha bisogno di dirlo e spera lo sopportiate per questo...

non ho mai avuto un buon rapporto con mio padre... non ho mai vissuto con lui...
la situazione fra i miei era incasinata... non si sono mai sposati, non hanno convissuto...
so' poco anche io... so' comunque che la cosa è durata non più di 6 o 7 anni...
a metà degli anni '80 la tiroide di mia madre ha cominciato a dare problemi come non mai e per un periodo, che non so' se lungo o corto, è dovuta stare sotto cure... io non sapevo nulla... fatto sta' che in questo periodo ha avuto scazzi pesanti con mio padre e si è riavvicinata a un vecchio amico... la cosa è degenerata e i miei si sono lasciati... gli anni seguenti si sono susseguiti più o meno incasinati... pochi soldi a casa... doppi lavori per mia madre... scazzi pesanti fra i miei genitori... mio padre che si rifiutava di entrare dove abitavo perché era la casa che doveva condividere con noi e mia madre... visite il mercoledì e il sabato... poi la mia adolescenza e la ribellione... non mi andava più di vederlo... non lo reputavo un buon padre... rifiutavo la situazione... rifiutavo che quando avevo bisogno di lui non c'era... rifiutavo la sua quasi totale dipendenza dall'alcool... negli ultimi anni non lo vedevo tanto... o meglio non eravamo più "obbligati" agli incontri predefiniti... se ci andava ci vedevamo... purtroppo negli ultimi due anni di vita mio padre fu afflitto da una forte crisi che lo costrinse ad allontanarsi dal lavoro e a ricorrere a cure... l'alcool condiva il tutto per bene... nell'ultimo periodo si era anche riappacificato con mia madre, ma io lottavo perché non volevo questa cosa... anche mia madre soffriva di crisi di nervi e avere accanto una persona instabile come lui non poteva che aggravare il tutto... a dicembre 2000 sono arrivato addirittura a dirgli di non farsi più vedere e sentire...

il 12 gennaio 2001 verso le 13 ricevo la chiamata di mio zio: "tuo padre sta' all'ospedale, è stato ricoverato d'urgenza ieri..." volo via dal lavoro... cerco di contattare mia madre ma non la reperisco... Dio vuole che la incrocio a Via Sannio... mi guarda, la guardo... alla sua domanda di che ci facevo lì rispondo: "se vuoi seguimi, ma non ti piacerà..." e lei capisce che si trattava di mio padre... e ospedale... e medici... e referti che si chiedono come faceva mio padre ad essere ancora vivo...
lo stesso giorno sarebbe arrivata da Rimini la mia ragazza di allora... doveva essere un giorno di festa... non era mai stata da me... ero felice... lo ero...
i giorni che passano vanno da un ospedale all'altro... mio padre peggiora... viene intubato... sopravvive solo grazie alle macchine... Susanna mi accompagna in questo declino... mi sta vicino, ma capisce che la cosa è troppo grande e che io crollo ora dopo ora...

martedì 16 gennaio mentre vedo la tv arriva la notizia della morte di mio padre... è mia zia a dirmelo... poi un'altra mia zia arriva distrutta a casa... mia madre torna serena... serena all'esterno... probabilmente ho imparato da lei a mandare tutto giù e a non far preoccupare gli altri... serena mi consola...
se non fosse tutto il giorno dopo mi arriva la responsabilità del funerale... parenti che parlano, che pensano come sarebbe stato meglio... cifre su cifre... e io che penso solo che era morto mio padre... il resto scivolava...

il 19 nella chiesetta di prima porta viene recitata la messa... io porto la bara in ogni passaggio... io sono il figlio grande... io sono colui che deve essere più forte... io cerco di non crollare... messa... pianti abbracciando mia sorella... amici di mio padre... Angelo, un suo amico, arriva piangente a portare la bara singhiozzando un "fatemelo portare anche a me Carlo..."... mio padre viene seppellito... aveva addosso la mia spillina dei Modena City Ramblers... quella che io ho sulla mia giacca è la sua... fiori... pianti... io che rifiuto tutto... lunghe camminate da solo... richiesta di lasciarmi solo... mio padre è morto...

sono passati già tre anni da allora... tutti gli anni in questo giorno faccio il punto della situazione... è il giorno in cui penso a chi ero un anno fa e a chi sono ora... e cerco sempre di essere un po' "meglio" di ieri...
è uno scadenziario che mi fa vedere dove ero l'anno scorso e dove sono ora... è un po' un mio capodanno...
l'altr'anno ero a casa i Daniela... non sapevamo ancora nulla di come sarebbe degenerato tutto... il lavoro andava e la scuola era lì... oggi vivo solo... ho sempre la scuola e porto avanti il film...

ho tanti rimorsi su questa storia... ho tante cose che non ho fatto...
spavaldamente pensavo di avere tutto il tempo del mondo... avrei fatto pace con mio padre... ci saremmo ancora divertiti... avremo visto ancora i Modena insieme magari... gli avrei dato il regalo che avevo preparato per lui e che non gli ho mai consegnato... pensavo di avere tempo... non ne ho avuto... in 5 giorni mi è stato rivoluzionato praticamente tutto il mio mondo... alle volte penso ancora che prima o poi mi telefonerà... che magari lo vedrò e non sarà così... alle volte piango... mi commuovo senza motivo per chi mi guarda...
non ho saputo avvicinare mio padre quando potevo... c'erano muri, muri stupidi, muri facili da tirar giù... non c'era la volontà però...

solo ora, dopo quel 16 gennaio 2001, riesco a capire delle cose... riesco a vedere cosa mi ha lasciato mio padre... riesco a essere obbiettivo... lo sono perché ne sono lontano forse... come quando si capisce come sia andata una relazione solo quando è finita da un po'...
posso solo ringraziarlo per ciò che ha fatto per me... posso solo ricordarlo com'era... posso solo piangere quando mi viene di farlo...

grazie per la pazienza... avevo bisogno di parlare...

giovedì 9 luglio 2009

Maybe...

Su Ebay vengono questa costruzione nello stato di New York.

Il prezzo è abbordabile e sinceramente il pensiero di prenderla, mollare tutto e andare mi è venuto subito.

Non sarebbe male vedere lì come proseguirebbe la mia storia, pensavo addirittura di chiedere a mia madre di seguirmi. :)

Di casini ce ne sarebbero tanti, in primis il problema del non essere cittadino, ma la cosa mi prenderebbe enormemente bene.

Vedremo, non si sa mai…

martedì 7 luglio 2009

Vendere il proprio tempo...

Alla fine non è questo che facciamo giorno dopo giorno?

Ha effettivamente importanza ciò che facciamo o è sufficiente vendere ad altri il nostro tempo in cose che non faremmo altrimenti per attenderci un compenso? Alla fine è solo una misera compravendita, un contratto fra due parti...

Forse è questo il vero senso del detto il tempo è denaro, cioè che ci si può privare del proprio in cambio di uno stipendio…

Mi chiedo solo se ci penso solo io o se, forse più semplicemente, al resto del mondo sta bene così…

Difficoltà di stesura…

Negli ultimi giorni ho molte idee su post interessanti o pseudo tali, soprattutto con argomenti lavorativi o fatti di cronaca che stimolano in me riflessioni.

Il problema però è che pur avendo questi spunti non riesco a concretizzarli in modo piacevo come vorrei e spesso interrompo e cancello il post mentre lo scrivo, annotandomi poi solo l’argomento da trattare in attesa di trovare il giusto sviluppo e la giusta forma per lo stesso.

Insomma, le idee ci sono, è il concretizzarle che ancora vacilla.

sabato 4 luglio 2009

La soluzione definitiva...

Una spina della birra direttamente nel rubinetto dell'acqua in cucina.

Costosa, introvabile, ma veramente geniale... :)

Saldo € 1.61

Quello che sembra il titolo di un film di spionaggio a basso budget è invece quanto mi rimane questo mese prima dell'accredito dello stipendio.

Da quando ho ricominciato a lavorare non riesco ad evitare di ridurmi a pochi spicci ogni inizio mese, anche se questo è proprio un record. :)

Il problema sussiste e non sussiste, non è che mi lamenti, però riuscire ad amministrare meglio la cosa, o semplicemente capire come funziona, non mi farebbe schifo, ma come già detto non posso proprio lamentarmi.

Un bacio.

giovedì 2 luglio 2009

2 luglio, estate...

e mi sollazzo guadando la sponda sinistra del mississipi vicino casa... :(

mercoledì 1 luglio 2009